Rome événements

Eventi a Roma

Da Caravaggio a Bernini!

Roma Scuderie del Quirinale Dal 14 APrile 2017 Al 30 Luglio 2017 Da Caravaggio a Bernini. Capolavori del Seicento italiano nelle collezioni reali di Spagna Attraverso una straordinaria selezione di dipinti e sculture, la mostra Da Caravaggio a Bernini. Capolavori del Seicento italiano nelle Collezioni Reali di Spagna riflette gli strettissimi legami politici e le strategie culturali stabilite tra la corte spagnola e gli stati italiani nel corso del XVII secolo. Ad arricchire le raccolte d’arte della dinastia asburgica contribuirono i frequenti doni diplomatici da parte dei governanti italiani, determinati a guadagnarsi il favore dei sovrani di Spagna che con i loro possedimenti – il Viceregno di Napoli e lo Stato di Milano – condizionarono dalla metà del Cinquecento l’evoluzione della complessa situazione politica italiana. È questo il caso di due tra i dipinti più spettacolari in mostra, Lot e le figlie di Guercino e La conversione di Saulo di Guido Reni, donati a Filippo IV dal principe Ludovisi allo scopo di garantire la protezione spagnola sul minuscolo Stato di Piombino. Moltissime altre opere d’arte, tra le quali il magnifico Crocifisso del Bernini proveniente dal Monastero di San Lorenzo del Escorial, opera raramente accessibile al grande pubblico, vennero commissionate o acquistate da mandatari del re; altre ancora vennero ordinate o comprate, come nel caso della Salomè di Caravaggio, dai rappresentanti della monarchia spagnola in Italia (ambasciatori e viceré) inviati presso la corte pontificia o a Napoli, alla morte dei quali le opere andarono ad accrescere le collezioni reali.

Vivian Maier. Una fotografa ritrovata

Roma Museo di Roma In Trastevere dal 17 Marzo 2017 al 18 Giugno 2017. La mostra rappresenta un’occasione per conoscere la vita e l’opera di Vivian Maier. Esposte 120 fotografie in bianco e nero realizzate da Vivian Maier tra gli anni Cinquanta e Sessanta insieme a una selezione di immagini a colori scattate negli anni Settanta, oltre ad alcuni filmati in super 8.

Internazionali di tennis 2017

Foro Italico Roma 10/21 maggio 2017 Visto lo straordinario successo delle recenti edizioni con il Foro Italico sempre esaurito, chi non vuole perdersi lo spettacolo ha la possibilità di prenotare ed acquistare al più presto abbonamenti e biglietti, i cui prezzi non subiranno alcun aumento rispetto alla passata edizione. Anche quest'anno il Torneo occuperà un arco di 12 giorni: il Parco del Foro Italico infatti aprirà al pubblico mercoledì 10 maggio con i tornei di prequalificazione e darà la possibilità agli appassionati di seguire le sedute di allenamento dei top player che anticipano il loro arrivo al Master 1000 di Roma. Il tabellone principale maschile inizierà domenica 14 maggio e nella consueta formula combined andrà avanti fino a domenica 21 maggio mettendo in campo lo spettacolo delle stelle del tennis mondiale, proprio come avviene nei tornei del Grande Slam. Particolarmente appetibile è lo spettacolo dei primi giorni del torneo, quando i veri intenditori potranno ammirare i giovani campioni che domineranno la scena nel prossimo futuro. Il secondo campo numerato sarà la Next Gen Arena: 5 mila posti, ottima visibilità, teatro di incontri di altissimo livello fino a venerdì 19 maggio. Ogni giorno, qui, una “long session” che presumibilmente si concluderà a sera inoltrata. Come sempre sono previste tre tipologie di biglietti. CENTRALE e NEXT GEN ARENA hanno tagliandi specifici, quindi diversi: con il titolo di accesso del primo stadio non si può entrare nel secondo e viceversa. Entrambi (limitatamente a quelli della sessione diurna) consentono invece di seguire, al pari del biglietto GROUND, i match in corso fin dalla mattina in tutti gli ulteriori dodici campi, cosiddetti secondari, del Foro Italico, primo fra tutti lo stadio Nicola Pietrangeli.

Spartaco. Schiavi e padroni a Roma

Roma Museo Dell'Ara Pacis Dal 31 Marzo 2017 al 17 Settembre 2017 Il più grande sistema schiavistico che la storia abbia mai conosciuto. Un’intera economia basata sullo sfruttamento di una “merce” cara e redditizia quanto deperibile: l’essere umano. La società, l'economia e l’organizzazione dell’antica Roma non avrebbero potuto raggiungere traguardi così avanzati senza lo sfruttamento pianificato delle capacità e della forza lavoro di milioni di individui privi di libertà, diritti e proprietà. Basti pensare che stime recenti hanno calcolato la presenza di 6 fino a 10 milioni di schiavi su una popolazione di 50/60 milioni di individui. Grazie ad un team di archeologi, scenografi, registi e architetti la mostra restituisce la complessità del mondo degli schiavi nell’antica Roma a partire dall’ultima grande rivolta guidata dallo schiavo e gladiatore trace Spartaco tra il 73 e il 71 a.C. I diversi ambiti della schiavitù ai tempi dell’impero vengono raccontati attraverso 11 sezioni che raccolgono circa 250 reperti archeologici. Le opere sono inserite in un racconto immersivo composto da installazioni audio e video che riportano in vita suoni, voci e ambientazioni del contesto storico.

„LOVE. L’arte contemporanea incontra l’amore“

ROMA CHIOSTRO DEL BRAMANTE dal 29 Settembre 2016 al 19 Febbraio 2017 LOVE. L'arte contemporanea incontra l'amore „ Dal 29 settembre 2016 al 19 febbraio 2017 il Chiostro del Bramante di Roma ospita “LOVE. L’arte contemporanea incontra l’amore”, a cura di Danilo Eccher. Il Chiostro del Bramante festeggia i suoi 20 anni di attività con una mostra dal carattere internazionale. Una novità assoluta e imperdibile nel panorama delle proposte culturali capitoline degli ultimi anni che si candida a riportare la città di Roma in linea agli stessi livelli delle più stimate realtà espositive internazionali. Per la prima volta saranno riuniti tra i più importanti artisti dell’arte contemporanea, come Yayoi Kusama, Tom Wesselmann, Andy Warhol, Robert Indiana, Gilbert & George, Francesco Vezzoli, Tracey Emin, Marc Quinn, Francesco Clemente, Joana Vasconcelos, con delle opere dai linguaggi fortemente esperienziali ("All the Eternal Love I Have for the Pumpkins della Kusama tra le più instagrammate al mondo"), adatte a coinvolgere il pubblico attraverso molteplici sollecitazioni. L'arte incontra l'amore. L’esposizione romana intende affrontare uno dei sentimenti universalmente riconosciuti e da sempre motivo d’indagini e rappresentazioni, l’Amore, raccontandone le diverse sfaccettature e le sue infinite declinazioni. Un amore felice, atteso, incompreso, odiato, ambiguo, trasgressivo, infantile, che si snoda lungo un percorso espositivo non convenzionale, caratterizzato da input visivi e percettivi. Love va oltre il concetto di museo. Un coinvolgimento sensoriale a 360° caratterizza l’esperienza museale, abbracciando il concetto di ‘open access’ e di museo in continua evoluzione. “

Meilleur prix garanti


Réservation directement à travers notre site vous avez toujours la garantie du meilleur prix disponible et vous pouvez vérifier la disponibilité des chambres en temps réel.