Wi-Fi zone
NERONE, l'ultimo Imperatore Giulio-Claudio PDF Stampa E-mail
La figura dell’ imperatore Nerone sarà raccontata, dal 12 aprile al 18 settembre, in una esposizione che comprenderà un percorso di visita in cinque luoghi neroniani dell’area archeologica centrale di Roma. La mostra si svilupperà infatti nell’area espositiva al II ordine del Colosseo, nella Curia Iulia e nel Tempio di Romolo al Foro romano, nel Criptoportico neroniano e nel Museo sul Palatino.

Con questa mostra sull’ultimo imperatore giulio-claudio, si vuole sottolineare le novità riguardanti due aspetti del regno: l’incendio, che distrusse buona parte della città nel 64 d.C., e la conseguente politica di ricostruzione avviata dall’imperatore a Roma dal 64 al 68 d.C.



L’esposizione, che si svolge in più spazi antichi dell’ area archeologica centrale di Roma, creando così un rapporto diretto con i luoghi in cui lo stesso Nerone visse e intervenne, ha quindi lo scopo di offrire una nuova lettura dell’ambiziosa attività edilizia dell’imperatore. Tale fervida operosità è illustrata dalle recenti scoperte condotte negli edifici neroniani nell’area del Palatino e dalla presentazione al pubblico degli importanti scavi della valle del Colosseo, monumento che, nel suo II ordine, ospita la ricostruzione dell’incendio fondata sui materiali rinvenuti. Essi hanno permesso di riconoscere la situazione della valle del Colosseo il giorno prima dell’incendio, il giorno stesso della catastrofe (il 18 luglio del 64 d.C.) e poi l’inizio della ricostruzione dell’area.
In questa sezione sono poi esaminati anche i grandiosi programmi edilizi dell’imperatore e la decorazione architettonica del suo tempo, con un inedito tour virtuale della Domus Aurea.



La mostra è arricchita inoltre da un esame più ampio della figura di Nerone, attraverso i suoi rapporti familiari e la propaganda del tempo che ha reso così “famigerato” il nome dell’imperatore fino a oggi (in mostra anche un’antologia cinematografica).



Sono infatti previste una sezione sull’immagine antica e moderna di Nerone, una sezione sui ritratti dei suoi familiari - in particolare di Claudio, della madre Agrippina e delle mogli dell’imperatore – e un’altra sulla propaganda neroniana, che vide l’assimilazione dell’imperatore al Sole e la sua celebrazione come auriga e come vincitore dei Parti.



La mostra è curata per la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma da Maria Antonietta Tomei e Rossella Rea, in collaborazione con Electa.



Orari
Dalle 8.30 a un’ora prima del tramonto.
Non si effettua chiusura settimanale.
La biglietteria chiude un'ora prima.



Ingresso
Intero €12,00; ridotto € 7,50
Lo stesso biglietto consente l’accesso al Colosseo, al Palatino e al Foro romano



Informazioni e visite guidate
tel. +39.06.39967700
www.pierreci.it