Wi-Fi zone
Gli Irripetibili anni "60 PDF Stampa E-mail
La mostra “Gli irripetibili Anni ’60. Un dialogo tra Roma e Milano” intende raccontare il ruolo fondamentale delle reciproche influenze culturali tra la Capitale e il capoluogo lombardo, rendendo omaggio a una stagione artistica irripetibile sviluppatasi tra la fine degli anni Cinquanta e la metà degli anni Settanta fra Roma e Milano.


L’esposizione, a cura di Luca Massimo Barbero, è ospitata nelle sale del Museo Fondazione Roma, Palazzo Cipolla (via del Corso, 320) dal 10 maggio al 31 luglio, e successivamente si trasferirà a Milano negli spazi espositivi di Palazzo Reale.


In mostra sono presenti oltre 170 opere di artisti quali Lucio Fontana, Alexander Calder, Gianni Colombo, Pietro Consagra, Piero Dorazio, Alighiero Boetti, Luciano Fabro, David Hockney, Yves Klein, Franz Kline, Piero Manzoni, Fausto Melotti, Man Ray, Mimmo Rotella, Mario Schifano, Günther Uecker, Roberto Crippa, Gianni Dova, Arman, Enrico Baj, Lucio del Pezzo, Giulio Paolini, Osvaldo Licini, Giò Pomodoro, Giuseppe Uncini, Franco Angeli, Tano Festa, Valerio Adami, Emilio Tadini, Giuseppe Bertini.


L’esposizione è articolata in quattro sezioni che esemplificano i differenti indirizzi della ricerca artistica nel corso del decennio: l’azzeramento espressivo della monocromia, l’impiego di oggetti e immagini nella emergente cultura Pop, l’internazionalità e la nuova scultura, la sperimentazione tra materiali, segni e figure.


Una particolare attenzione sarà dedicata in mostra all’attività dello Studio Marconi, uno dei principali centri di innovazione dell’epoca: inaugurato nel 1965 a Milano da Giorgio Marconi, lo Studio infatti era uno dei luoghi d’incontro prediletti dalle personalità artistiche e culturali di spicco di quegli anni.


Alla fine del percorso espositivo una speciale sezione audiovisiva multimediale a tre canali su grandi schermi aiuterà il visitatore, attraverso la proiezione di immagini, video, filmati ed interviste inediti, a rivivere il clima effervescente di quel periodo, mettendo in relazione le arti visive con altri settori della cultura strettamente correlati, come la letteratura, il teatro, il giornalismo, la fotografia, la cronaca, il design e la moda.

 

Informazioni e prenotazioni:

T +39 06 39967888 (Da lunedì a venerdì 9.00 – 18.00, sabato 9.00 – 14.00)
www.pierrecicodess.it
Orario apertura: tutti i giorni dalle 10 alle 20; lunedì chiuso. La biglietteria chiude un’ora prima
Costo biglietti comprensivo di audio guida: intero € 10,00; ridotto € 8,00; scuole ingresso gratuito