Cosa visitare

Visitare Roma

Castel Sant'Angelo

  • Visite: 14709

Castel Sant'Angelo

Lo staff dell’Hotel Julia, preparato e in grado di dare ai propri ospiti utili consigli sui luoghi imperdibili della città di Roma, non mancherà di consigliare una visitare al famoso ed importante Castel Sant’Angelo.

Questo mausoleo fu fatto costruire da Adriano per accogliere la sua salma e quelle dei suoi successori. Per mettere in comunicazione tale sepolcro con la regione del Campo Marzio fu costruito un ulteriore ponte sul Tevere, il Ponte Elio, che fu inaugurato nel 134 d.C.. I lavori di costruzione del mausoleo furono completati, dopo la morte di Adriano (138 d. C.), nel 139 d.C., da Antonino Pio: in un primo tempo, dunque, Adriano trovò sepoltura in altro luogo e, precisamente, a Pozzuoli.

Circo Massimo

  • Visite: 11027
Circo Massimo

Secondo le fonti antiche, il primo circo adibito alle corse dei carri nella valle tra Palatino e Aventino viene costruito dal re etrusco Tarquinio Prisco, anche se sono ricordate corse simili già al tempo di Romolo. Agli originari sedili in legno sono sostituite col tempo gradinate in muratura e aggiunte le gabbie di partenza per i carri (carceres) e la spina, cioè il muretto divisorio della pista.

Colosseo (Anfiteatro Flavio)

  • Visite: 43190
Colosseo

L’Hotel Julia situato nel centro di Roma, grazie alla sua posizione strategica, consente ai propri ospiti di raggiungere facilmente ogni monumento, museo, sito archeologico del centro di Roma. Uno dei più imponenti e maestosi monumenti situato poco distante dall’Hotel Julia, è il Colosseo.

Il Colosseo offre tre o quattro punti di vista completamente diversi l’uno dall’altro. Il più bello è forse quello che si presenta al curioso quando è sull’arena dove combattevano i gladiatori, e scorge quelle immense rovine che gli sorgono dinanzi tutt’intorno. Quel che a me fa più impressione è questo cielo d’un azzurro così puro che appare attaverso le finestre della parte superiore dell’edificio. ( Stendhal “Passeggiate Romane”).

Fori Romani

  • Visite: 13424
Fori Romani

La valle del Foro, paludosa e inospitale, è utilizzata tra X e VII sec. a.C. come necropoli dei primi villaggi stanziati sulle colline circostanti. Solo attorno al 600 a.C., ad opera del re etrusco Tarquinio Prisco, viene drenata con la costruzione della Cloaca Massima e “pavimentata” in terra battuta, diventando il centro della vita cittadina. Gli edifici che vediamo oggi nel Foro non sono tutti contemporanei e non erano tutti visibili nello stesso tempo.

Musei Vaticani

  • Visite: 13549
Musei Vaticani

Tra i più importanti musei al mondo, sono suddivisi in numerose sezioni splendidamente allestite che conservano capolavori dei più grandi artisti, raccolti o commissionati dai papi nel corso dei secoli. Al termine del percorso la cappella Sistina, il cui recente restauro ha ridonato alla volta del Giudizio Universale di Michelangelo i colori che il tempo aveva offuscato.

Piazza Bocca della Verità

  • Visite: 12376
Pantheon

La piazza prende il nome dalla famosa Bocca della Verità, il celebre mascherone collocato nel portico della chiesa di Santa Maria in Cosmedin. Secondo una conosciutissima leggenda romana la bocca minacciosa mangerebbe la mano di tutti coloro che ponendo la mano nel suo interno mentissero. La piazza è al centro dell’antica zona mercantile di Roma fra il porto fluviale, presso l’isola Tiberina, e l’Emporio.

Piramide di Caio Cestio

  • Visite: 12534
Piramide Caio Cestio

All’esterno di porta San Paolo, si erge la bizzarra Piramide di Caio Cestio, un monumento funerario che questo funzionario preposto ai banchetti sacri ha fatto erigere per la propria sepoltura tra il 18 e il 12 a.C. Alta 37 metri, in cementizio ricoperto di lastre marmoree, si ispira a modelli egiziani, di moda a Roma dopo la conquista dell’Egitto (30 a.C.).

Terme di Diocleziano e S. Maria degli Angeli

  • Visite: 39202
Terme di Diocleziano e S. Maria degli Angeli

La gigantesca area rettangolare occupata dalle terme, erette tra il 298 e il 306 d.C., è di circa 140.000 metri quadrati, escludendo la cisterna rinvenuta in Piazza dei Cinquecento, alimentata da un ramo dell’Aqua Marcia (acquedotto). Costruite in mattoni, le terme potevano essere utilizzate contemporaneamente da più di tremila persone.L’enorme edificio termale comprendeva un complesso centrale con calidarium, tepidarium e natatio (ambienti per bagni caldi o tiepidi e piscina di acqua fredda, in parte conservati) disposti lungo l’asse minore, e palestre ai lati dell’asse maggiore, con un ampio recinto circostante adibito a giardino.

Miglior prezzo garantito


Prenotando direttamente tramite il nostro sito hai sempre garantito il miglior prezzo disponibile e potrai verificare in tempo reale la disponibilità delle camere.