Roma info

Eventi a Roma

Roma verso Expo Milano 2015

Roma è una vetrina d’eccezione, un luogo d'elezione unico per assicurare all’Expo del 2015 la massima diffusione e il coinvolgimento del grande pubblico, grazie alla sua centralità nei flussi turistici e alla sua vocazione naturalmente internazionale rinforzata dalla presenza delle Ambasciate e degli Istituti di Cultura. L’iniziativa vede il coinvolgimento di numerose location all’interno della città. Gli spazi espositivi coinvolti nel progetto saranno: il Museo dell’Ara Pacis, che ospita uno degli esempi più alti dell’arte classica, il Complesso Monumentale del Vittoriano (Ala Brasini), visitato ogni anno da oltre un milione di persone, e l’Aeroporto di Fiumicino (Terminal 3), snodo centrale del turismo romano e italiano. Qui si terranno rassegne, convegni e appuntamenti dedicati ai Paesi Partecipanti, i quali potranno affrontare la tematica relativa al proprio Padiglione per l’Esposizione Universale, ma anche raccontarsi in modo inedito, mettendo in evidenza le proprie eccellenz Un altro punto focale del progetto sarà quello dedicato all’informazione sulle tematiche di Expo Milano 2015 attraverso isole e banner con promo appositi e materiale divulgativo multilingua che saranno allestiti in un insieme estremamente diversificato di luoghi, dal centro storico alla periferia di Roma

ROMART 2015. BIENNALE INTERNAZIONALE DI ARTE E CULTURA

DAL 15 AL 18 MAGGIO 2015, L’AVVENIRISTICO SPAZIO FIERISTICO DELLA NUOVA FIERA DI ROMA OSPITA LA PRIMA EDIZIONE DI ROMART, BIENNALE INTERNAZIONALE DI ARTE E CULTURA. PER QUATTRO GIORNI ROMA, PIÙ GRANDE CAPITALE MEDITERRANEA, DIVENTA LA CULLA DELL’ARTE E DELLA CULTURA INTERNAZIONALE, OSPITANDO PITTURA, SCULTURA, GRAFICA, FOTOGRAFIA, VIDEO E DIGITAL ART, E TANTE ALTRE ESPRESSIONI ARTISTICHE.

Aperture serali Musei Vaticani

Musei Vaticani, da venerdì 24 aprile tornano le aperture serali Porte aperte dalle 19 alle 23 Tornano le aperture serali dei Musei Vaticani. A partire da venerdì 24 aprile, e ad eccezione del 1° maggio, gli interessati potranno ammirare le sale con le inestimabili opere anche by night, dalle 19 alle 23. Anche quest’anno, i “Notturni dei Musei” saranno accompagnati da una ricca rassegna dedicata all’arte e alla musica. La fusione delle due arti offrirà al pubblico una serie di iniziative culturali e concertistiche senza nessun aggravio sul costo del normale biglietto.

1° maggio a Roma, musei aperti e visite nelle aree archeologiche

A Roma musei aperti anche il 1° maggio. Il prossimo venerdì, in occasione della Festa dei lavoratori, Francesco Prosperetti, soprintendente speciale per il Colosseo, il Museo nazionale romano e l’area archeologica, ha assicurato che saranno fruibili ben 11 siti turistici. L’orario di apertura – si legge in una nota – sarà lo stesso degli altri giorni, dal mattino al tramonto, per il Colosseo, gli Scavi di Ostia e le tre sedi del Museo Nazionale Romano (Palazzo Altemps, Palazzo Massimo, le Terme di Diocleziano). Orario ridotto, dal mattino fino al primo pomeriggio, per le Terme di Caracalla, il Mausoleo di Cecilia Metella sulla via Appia, il Parco di Gabii sulla via Prenestina, la villa di Livia e Malborghetto sulla via Flaminia e, infine, per il neonato Antiquarium di Lucrezia Romana nei pressi della via Anagnina.

Giorgio Morandi al Vittoriano

Giorgio Morandi in mostra al Complesso del Vittoriano dal 28 febbraio al 21 giugno 2015. GIORGIO MORANDI UNA STRAORDINARIA MOSTRA OLTRE 150 OPERE, DI CUI 100 DIPINTI NELL’ESPOSIZIONE PIÙ COMPLETA DEGLI ULTIMI VENT’ANNI L’esposizione documenta la vicenda artistica del pittore bolognese attraverso un numero cospicuo di opere di grande rilevanza che provengono da importanti istituzioni pubbliche e da prestigiose collezioni private, inclusi alcuni capolavori meno noti al grande pubblico concessi eccezionalmente in prestito e accostati in modo inedito secondo un progetto mirato, pensato appositamente da Maria Cristina Bandera per questa occasione romana. Roma accoglie l’opera di Giorgio Morandi dopo la mostra postuma curata da Cesare Brandi alla Gnam di Valle Giulia nel 1973, con una esposizione straordinaria che conferma l’attenzione del Vittoriano per la pittura italiana del Ventesimo secolo. Un percorso iniziato nel 2012 con Renato Guttuso, proseguito nel 2013 con la mostra dedicata a Cézanne e ai pittori italiani che dal padre dell’impressionismo trassero ispirazione e nel 2014 con la mostra “Mario Sironi. 1885-1961”.